1 Giugno 2012 admin

Intervista su “Rosa Selvaggia”

Ciao , ragazzi . Mi fa piacere incontrarvi per due chiacchiere sul vostro progetto Colors. Ma prima di tutto presentatevi.

Siamo in quattro, anche se stasera uno di noi, dovrà ascoltare, perché qui non è possibile suonare la batteria: l'ambiente non lo consente. Comunque io sono Mister Rips, alias una delle due lune,alias Giuseppe, bassista, campionamenti e guitar, Emilio, l'altra luna, la voce, Angelo, il batterista ed infine Vincenzo, chitarra e campionamenti. Il gruppo nacque per caso nel 2009.Siamo tre siciliani della stessa città, Agrigento, di cui due abitanti qui a Bologna ed uno, che abita con la famiglia ad Arezzo e ci raggiunge per i concerti. Le prove le facciamo attraverso Internet: è un continuo scambio tra di noi e dobbiamo ringraziare la tecnologia per questo. In due anni abbiamo avuto parecchie soddisfazioni. Il Contest a Firenze è andato molto bene e abbiamo fatto tanti concerti anche fuori d'Italia.

Siamo stati in Svizzera ed in Germania, anche a Berlino.
Sento che vi date parecchio daffare e vorrei che mi parlaste anche dei vostri live multisensoriali a quanto ho visto. Che cosa vi aspettate da un live e cosa significa rispetto all'album ?

Nei concerti c'è una trasmissione di emozioni ed un coinvolgimento delle persone che vi assistono grazie anche ai video che produciamo. Abbiamo avuto un riscontro molto positivo con un cartoon realizzato da una compagnia di video canadese, che ha vinto premi vari ed uno anche ad Hollywood il cui autore David Krupicz è considerato uno dei migliori del genere a livello mondiale. Le musiche che lo accompagnano sono quelle del nostro E:P. The first moon. Onda Rock l'ha definito disco rivelazione del 2010.

Complimenti e scusa se è poco ! A questo proposito parlatemi della genesi di Colors e delle novità rispetto all'E.P.

Colors è un album, che ci sta dando soddisfazione per il suono che volevamo costruire. La scelta del nome è stata ponderata e voluta per discostarci dall'etichetta di gruppo dark anni '80: le radici sono quelle, tuttavia c'è la ricerca di qualcosa di nuovo ed attuale, con l'inserimento di suoni nuovi, elettronici, pur mantenendo gli strumenti della band classica. L'album è stato autoprodotto per darci la libertà di costruirlo come volevamo. In Italia siamo nell'ambito di un " non mercato". Inoltre noi consideriamo il gruppo un'azienda o una famiglia , siamo tutti collaboratori, una catena di montaggio, in cui ognuno di noi ha dei ruoli ben definiti . Emilio si muove bene nel mondo del marketing, tiene le pubbliche relazioni ed è anche un video maker. Io (n.d.r.Giuseppe) e Vincenzo ci occupiamo della composizione e del suono in armonia assoluta. In fondo quello che ci avrebbe dato un'etichetta è assai poco, forse una spinta pagando, e comunque avremmo dovuto rinunciare a qualcosa di nostro. Via Internet ci si muove bene: così abbiamo organizzato 40 concerti in Toscana, Emilia, Veneto ed altre regioni. In Sicilia invece ancora no; ma ci arriveremo da vincitori, da conquistatori.

Come lavorate ? Ci sono prima i testi e poi le musiche o il contrario?

Facciamo tutto in alchimia da un input che ci dia la partenza giusta . Andiamo a sensazione, c'è un'interazione fra noi. Ci sentiamo ogni giorno, perché questa comunicazione può diventare un suono ed un'immagine può essere utilizzata per un'esperienza multisensoriale, tra vista ed udito. Il nostro obiettivo è creare emozioni e poesia.
Quali sono i gruppi che vi hanno influenzato per i testi e per la musica?Naturalmente gli anni '80: il post punk, i Bauhaus, Joy Division. Ma ascoltiamo tutto: anche gli anni '70, Pink Floyd, Einsturzende.Tutto ciò che è musica disturbata e non solo quella. Tutto ciò che ascolto e leggo porta un contributo. Vincenzo invece appartiene agli anni '90, la musica dei Nirvana per capirci .

Bene :a questo punto è d'obbligo chiedervi quali sono i vostri progetti per il futuro.

Progetti futuri? Suonare, suonare, suonare. Ci piacerebbe collaborare per colonne sonore di film. Emilio è un artista visivo, come ho già detto, io dipingo , perciò auspico interazioni, come abbiamo già avuto con artisti visivi . Poi stiamo lavorando al secondo album. Nei nostri sogni c'è anche quello di realizzare con l'E.P. e il primo album, un vinile. Il vinile non finirà mai: è bello toccarlo e guardare la copertina, che è studiata accuratamente. Molte copertine dei vinili del passato sono da collezione, vere opere d'arte! Anche noi abbiamo cercato di curare al massimo la veste grafica del CD: la copertina è stata realizzata da una pittrice, Alexa Invrea, conosciuta durante un concerto all'Arteria, le cui opere erano lì esposte. Il suo modo di dipingere si collega bene al nostro concept album. L'angelo della copertina indica la purezza della nostra arte,ed anche i colori sfumati, delicati, mettono a nudo i nostri sentimenti più puri, mentre il giallo pastello è la luce diffusa senza ombre. Abbiamo sentore dalle recensioni e dalla risposta del pubblico ai livedi essere sulla strada giusta; quindi continueremo ad essere coerenti con la nostra ricerca di approfondimento di musica e testi. Emilio legge ed ama Oscar Wild. Io altri autori, tra cui Pirandello. Siamo attratti da Pirandello, dal paradosso,cioè qualcosa di forte in mezzo al testo che non ci si aspetta. I nostri testi non raccontano, ma descrivono, sono english style, sensazioni in parole. Ci piace un po' di astrattismo. Cerchiamo di bilanciare testi e musica . Giochiamo sulla ripetizione, sul suono che ti abbandona e ti avvolge continuamente come un'onda, come un labirinto che ti porta nel mondo dei Two Moons!
Grazie della vostra disponibilità ! E' arrivata l'ora di trascinare il pubblico e noi di Rosa selvaggia nel labirinto del live .Arrivederci al prossimo album.Grazie a te .Andiamo a divertirci !

 

Two Moons "Colors"(autoprodotto)
Il primo album del gruppo bolognese, uscito di recente agli inizi del 2012 , è uno di quei cd che più lo ascolti, più ti piace e più lo vorresti ascoltare. Nove tracce, di cui ognuna possiede una sua peculiarità,unite tra loro dai testi, tanto che questo lo si può definire senza dubbio un Concept album, che ci offrono una band in stato di grazia compositiva ed esecutiva. Un bel progetto di ricerca musicale che intreccia alle trame del darkwave melodico, i fili ossessivi del postpunk, generando un sound ricco di spunti innovativi. A ciò si uniscono basi elettroniche soft e ben calibrate che non soffocano l'esecuzione strumentale. Da Stars a Colors, che dà il titolo all'album, la voce di Emilio Mucciga si dispiega in note pastose e virili, che ben armonizzano con l'accompagnamento energico del basso di Taibi, della chitarra di Brucculeri e della batteria di Argento. In Moon that watches me si aggiunge alla voce maschile , la morbida gentilezza della voce di Francesca Bono, in un contrappunto vibrante ed in crescendo: uno dei brani più belli ed emozionanti del cd a mio giudizio. Colors è un prodotto intelligente che conferma la serietà professionale della band, già evidente nel primo album, e che merita di essere ascoltato per scoprire una realtà musicale emergente ed in costante evoluzione . (Gabrydark)

 

http://www.rosaselvaggia.com/two_moons_int.htm

 

 

Support us
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •